martedì 3 luglio 2012

Gli italiani scendono in piazza solo per il calcio, e non per le cose importanti...


Quante volte hai letto sta frase su facebook durante gli Europei di Calcio? Magari in qualche immagine, e magari l'hai condivisa... e poi?
Beh, ti do una buona notizia, ci sono degli italiani che stanno scendendo in piazza per "cambiare le cose".
Per fare cosa? Per fare la rivoluzione. Proprio così.
Cosa si intende per rivoluzione?
Per rivoluzione si intende finalmente tagliare gli sprechi, ma non per riversarli su altri rivoli e torrenti e fiumi di spesa pubblica improduttiva. Tagliare gli sprechi per ridurre il debito pubblico, e abbassare di conseguenza le tasse. Solo l'abbassamento delle tasse può far riprendere l'economia e far così diminuire la disoccupazione.
Non è questione di destra o sinistra: gli italiani che si sono riconosciuti nell'uno o nell'altro schieramento, sono stati come i polli di Renzo... si sono beccati tra loro, ma nel frattempo i direttori generali dei ministeri sono rimasti sempre al loro posto, che ci fossero governi di destra o sinistra, e oggi con Monti, trionfano venendo promossi ministri del governo presunto "tecnico". Questi signori dovrebbero tagliare gli sprechi?
Se tutto va bene taglieranno 4,2 Miliardi su una spesa annua di circa 800. Come se la vostra famiglia spendesse 1000 € al mese, fosse indebitata per 4000 €, e per pagare i suoi debiti decidesse di risparmiare 5 € al mese... e chiamasse dei consulenti (Bondi, Giavazzi e Amato) per farsi dire come fare...
Quindi, se siete arrivati fin qui, e gli sprechi DAVVERO vi umiliano e vi offendono come contribuenti onesti, potete contribuire in prima persona alla rivoluzione, scendendo in piazza! E attivandovi in prima persona per ridurre le tasse.
Il 16 giugno c'è stata la manifestazione del TEA PARTY Italia a Venezia, per manifestare contro l'IMU e le troppe tasse. Chiunque poteva prendere la parola, anche TU, per 3 minuti, e portare le proprie proposte.
Sabato 7 luglio ci sarà un altro evento, a La Spezia, del Tea Party, ed un altro evento ancora a Firenze, di Sedizione Liberale.
E poi c'è la parte più esplicitamente propositiva: dato che, forse non te l'ha detto nessuno, l'IMU sulla prima casa va al 100% al comune, puoi rompere le scatole ai politici del TUO comune, per diminuire al massimo, o eliminare, questa odiosa imposta. Qui è spiegato come fare.
Come vedi, gli italiani che scendono in piazza non solo per il calcio, ci sono, ed hanno proposte concrete per rilanciare l'economia e migliorare il benessere di tutti.
Tu cosa aspetti a unirti alla RIVOLUZIONE?