giovedì 6 settembre 2012

Zanardi, Brands Hatch... e io

Per una delle incredibili coincidenze del destino, Zanardi ha vinto la cronometro della Handbike, alle Paralimpiadi, proprio sul circuito di Brands Hatch, dove, come ci ricorda il bell'articolo di ItaliaRacing.net, aveva conquistato la sua prima Pole Position in Formula 3000, nel 1991. Non è casuale che la prima pole fosse venuta proprio lì: Brands Hatch è uno dei circuiti più folli d'Europa, a suo modo più difficile di Spa o Imola, per i continui cambi di pendenza, che rendono un'incognita qualsiasi delle numerose curve che lo compongono. Per non parlare dell'incognita di tutte le piste britanniche, che si chiama "continui cambi di tempo". Chi la conosce già, ha in tasca 5-8 decimi rispetto a chi corre per la prima volta su questo circuito. Se  uno "sbarbato" si impone a Brands Hatch, è uno sbarbato con stoffa da vendere, cosa che poi Zanardi dimostrerà alla grande vincendo, anzi dominando, 2 Campionati Champcar col Team Ganassi. Il caso ha voluto che anche l'unica volta che ho avuto il piacere di parlare con Zanardi, è stato proprio a Brands Hatch, nella gara del Mondiale Turismo 2006 (gara a cui si riferisce la foto), e fece un paragone che mi fa venire da ridere ogni volta che ci ripenso. Stavamo commentando una sessione di prove, che era stata, tanto per cambiare, bagnata, e lui mi disse "Si poi col bagnato, se hai una macchina a trazione anteriore, lo sai, è più facile, se la perdi tiri un po' su il piede... con la trazione posteriore, se la perdi, vedi la Madonna in bicicletta..."
Se lo rivedo gli chiedo se si riferiva già all'Handbike...